Indice del forum

Around Ayas

La Valle d'Ayas: trekking, sport, ambiente e natura

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Ayas e la "tempesta di Natale": viabilità e varie
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Discussioni generali sulla Val d'Ayas
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
HighWalker

Site Admin


Escursionisti


Età: 43
Registrato: 01/11/06 21:11
Messaggi: 2047
HighWalker is offline 

Località: Vercelli - Champoluc
Interessi: Trekking, alpinismo, elettronica, computer, musica, modellismo, fotografia, video
Impiego: Commerciante
Sito web: http://www.ayastrekkin...

MessaggioInviato: Gio Dic 26, 2013 10:03 pm    Oggetto:  Ayas e la "tempesta di Natale": viabilità e varie
Descrizione:
Rispondi citando

Ampiamente preannunciata, quella che hanno chiamato "tempesta di Natale" è arrivata. Non puntuale, perchè il grosso è stato a S. Stefano, in contrasto con le previsioni fino a pochi giorni prima.
Mi sono trovato dunque a salire a Champoluc, solo un salto per motivi diciamo logistici, in giornata, e affrontare tutto questo: il resoconto non è il racconto della gitarella, che è stata allucinante, ma vuole porre alcuni interrogativi.
Al momento della partenza, risultava: strada aperta, nevicata in corso, transito con catene o gomme da neve (quest'ultima è un'indicazione generica che rimane valida dall'autunno alla primavera).
Pianura: diluvio universale, velocità 80 km/h in autostrada, ma questo non riguarda la montagna.
Verres: nessuna segnalazione circa problemi di viabilità, salgo. Pioggia battente.
Tra Verres e Challand St.-Victor, dove c'è il cantiere per l'allargamento della strada: un macigno piazzato in mezzo alla strada tra un tornante e l'altro. Una corsia comunque aperta, Protezione Civile e Carabinieri sul posto. Si procede.
Challand St.-Victor: le precipitazioni passano velocemente da pioggia a neve, ma si va avanti. La strada da bagnata diventa gradualmente innevata. Spazzaneve e spargisale: neanche l'ombra.
Challand St.-Anselme: a Quinçod con le sole gomme (estive) è impossibile procedere; no problem, lo sapevo: metto le catene e procedo senza troppi problemi, ovviamente a rilento. Poco più avanti, colonna di macchine ferme: chi mette le catene, chi NON le ha. I primi in pochi minuti sono pronti a ripartire, mentre buona parte degli altri slitta sbandando (da fermo) a destra e a sinistra, bloccando di fatto la strada a tutti. Discussione con un simpaticone messo (volutamente) per traverso in mezzo alla strada: invitato a rientrare nella fila per lasciar passare quelli che scendono, prende la pala e minaccia di spaccarmi la faccia, si toglie la giacca per farmi vedere che è grosso: considerato che nevicava, spero che passi Capodanno a letto con la febbre. La neve stimola l'aggressività? Non so, ma forse non ha capito che la pala poteva servirgli per andare avanti.
Intanto incrocio K4K: sta tornando indietro dopo aver cercato di andare a sciare a Palasina, ma la strada è chiusa. Parla anche di un albero caduto sulla strada.
Da qui, il delirio più totale: si procede a tratti, con lunghe soste che sfociano in un blocco pressochè totale prima dei due tornanti che precedono l'arrivo a Brusson. La neve che continua a cadere è bagnatissima, i rami degli alberi sono piegati verso il basso dal peso, stare fermi per strada sotto gli alberi (alcuni sono già caduti, anche sulla carreggiata) non è certo un piacere.
Al primo tornante, ecco il problema: fior di BMW inchiodate in mezzo alla curva, impossibilitate a salire e, vista la situazione, pure a fare inversione e scendere. Del resto anche ad ogni ripartenza dalla macchina di fronte alla mia dovevano scendere tre ragazzi a spingere.
Si sentono discussioni animate: una ragazza strilla che la nevicata era prevista da una settimana e la Protezione Civile non ha fatto niente. Di riflesso si prende dell'incapace perchè si sono avventurati su quella strada senza attrezzatura necessaria.
Vigili del fuoco giustamente all'opera, riescono (a spinta) a liberare una delle corsie, ma nella fila molti altri non riescono a procedere. Quando arrivo in quel punto, mi dicono: "Tu hai le catene, vai pure". Infatti passo e vado.
Inutile dire che da lì in avanti il traffico è risultato estremamente scarso. Le condizioni della strada continuano a peggiorare; se è passato uno spazzaneve se ne è persa memoria. Anche qui, niente sale: e sì che basterebbe poco, le temperature sono alte (siamo ancora sopra lo 0).
La copertura della strada non è uniforme, con buchi e aree scavate: all'uscita di Vollon, in rettilineo, la disomogeneità del manto nevoso mi dà una spinta laterale, perdo il retro e con un mezzo testacoda mi fermo per traverso contro il mucchio di neve. Nessun danno, mi giro e riparto. Per la cronaca, di scodate ne farò ancora parecchie, sia in salita che in discesa, ricordandomi però come uscirne... con generose controsterzate.
Tra Brusson e Ayas le cose vanno sempre male, condizioni della strada critiche.
Comunque, arrivo a Champoluc, faccio le due cose che dovevo fare e riparto.
La discesa non sarà più semplice: la strada è sempre quella, a ogni curva i freni vanno toccati (se necessario) con il peso di una piuma. Almeno, non c'è nessuno fermo in mezzo alla strada.
Vollon, nel tratto in cui mi ero girato salendo: bufera di neve.
Brusson, incrocio per il Col de Joux. Vigile fermo in mezzo alla strada con la paletta, al telefono. A fine telefonata informa che si può scendere a Challand St.-Victor ma NON a Verrès: la strada è bloccata (suppongo per via della frana, perchè in quel tratto come già detto non nevicava). Per fortuna, a differenza di altre valli, la "nostra" ha altre vie di fuga: la più immediata è attraverso il Col de Joux.
Qui la strada è un pochino meglio, ma qualche scodatina, prontamente corretta, è inevitabile.
Un po' prima di St.-Vincent posso liberarmi delle catene (non nevica più, e non piove nemmeno) e tornare a una guida più normale. Il resto è un viaggio più banale fino a casa.

Andata e ritorno hanno richiesto rispettivamente 4 e 3 ore. Ho riportato a casa pelle e macchina intere. Ah sì, la macchina che ha fatto tutto questo è una Fiesta del '97, gomme normali 185R14, trazione anteriore, catene.

Ora, gli interrogativi che mi pongo sono diversi.

Il primo, circa le informazioni sulla viabilità. Possibile che a fine mattina le condizioni della strada fossero ignote al punto da non poter mettere un cartello ANCHE DI CARTONE a Verres per avvertire i viaggiatori di innevamento critico, bufere di neve, alberi caduti sulla strada, una corsia bloccata da un macigno, oggettiva difficoltà (salvo 3 assi motrici con ruote gemellate) a procedere oltre Challand St.-Anselme?

Il secondo, sull'efficacia delle gomme da neve.
Considerato che A) sono obbligatorie in VdA in alternativa alle catene e che B) difficilmente TUTTi quelli che non riuscivano a procedere avevano solo gomme estive (in poche parole: tra tutti quelli piantati in mezzo alla strada, sicuramente alcuni erano gommati invernali), qual'è il limite operativo di queste gomme? Le pubblicità ci dicono che con le gomme da neve potete scalare l'Everest in retromarcia, ma oggi non bastavano e nessuno, al momento dell'acquisto, si sente dire cosa NON possono fare.

Il terzo, proprio sulla viabilità: quando la temperatura a Vercelli si avvicina allo 0 le strade vengono praticamente ricoperte di sale, in VdA l'hanno usato per lo spezzatino?

Beh il panorama però, per quel poco che si vedeva, era incredibile... Smile

HW

_________________
"Strade? Dove andiamo noi non c'è bisogno di strade!"
(e nemmeno di funivie)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Adv



MessaggioInviato: Gio Dic 26, 2013 10:03 pm    Oggetto: Adv









neve1.jpg
 Descrizione:
 Dimensione:  28.58 KB
 Visto:  1521 Volte

neve1.jpg



neve2.jpg
 Descrizione:
 Dimensione:  31.91 KB
 Visto:  1521 Volte

neve2.jpg


Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Discussioni generali sulla Val d'Ayas Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





Around Ayas topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008